A la Chervâra

di Savino Rabotti

‘Drê ‘l Tasùbi, insìma a un mûnt
piên d’ cursân, piên d’ carpanèli,
tânt têmp fa a ghe stêva i Cunt
ch’i’ han fat côši brúti e bèli.

Quàter sàs sùta a gli urtîgh,
sùta al ràši e ‘l föji mârsi:
l’é cul ch’ rèsta d’ tú-c i’ intrîgh,
tradimênt, prumìsi fâlsi!

Pôch i’ s’ fèrmen a guardâr
co’ a gh’é ‘rmâš in cla radûra:
a pâr fîn ch’i àbi pajûra
che chi têmp pòsne arturnâr.

D’Arduîno s’ dîš ch’ al fúsa
tânt in gamba e šmalisiâ
che a Canùsa l’è arivâ,
cunsigliêr d’ la Gran Cuntèsa.

E chì sûra Jacopìno
l’ha tgnû a bâda Aršân, Pramšân,
Castiglione fiorentino,
chi d’ Curèš cun i Mantvân,

ch’i’ gh’han mìs pu’ da stant’àn
per cavâgla ad avêr rašûn
d’ cul castèl che, per tân-c àn,
al metîva sudisiûn!

La mi’ gênta ch’i’ scapê
sempr’ ad cûrsa, sempr’ ad rànda,
mtîv un pô lì da ‘na bànda
pr’arpensâr ai têmp indrê.

Quanti côši ch’ fân schermîr:
ingiustìsji e preputênsa;
quânta vöja d’ prêr capîr
i segrêt ed l’esistênsa!

A pàsa ‘l têmp e a s’ pôrta via
Tú-c i mâl, tú-c i rancûr!
A s’armàgn la fantasìa
che al su’ pòst a gh’ vègna l’amûr!

SOSTA A CROVARA – Lungo il Tassobbio, sopra un monte pieno di quercioli e carpini, tanto tempo fa vivevano i Conti che hanno compiuto gesta inique e belle. Quattro sassi sotto le ortiche, sotto i rovi e le foglie marce, è ciò che resta di tutti gli intrighi, dei tradimenti, delle promesse false. Pochi restano a guardare cosa è rimasto su quella radura: si direbbe che abbiano paura che quei tempi possano ritornare. Di Arduino si dice che fosse tanto astuto e smaliziato che è arrivato fino a Canossa quale consigliere della Gran Contessa. E qua sopra Jacopino ha resistito a Reggiani, Parmigiani, a quelli di Castiglione di toscana, ai Correggesi e ai Mantovani che hanno impiegato più di settanta anni per avere ragione di quel castello che da tanto tempo incuteva paura. Gente mia, che andate sempre di corsa, sempre di fretta, sostate un attimo lì vicino per ripensare ai tempi passati. Quante cose che fanno rabbrividire: ingiustizie e prepotenze; quanta voglia di poter capire i segreti dell’esistenza. Il tempo passa e si porta via tutto il male, tutti i rancori! Resta solo l’immaginazione di poterli sostituire con l’amore.