La vècia funtâna

L’ê là, in funda a la rampâda,
la funtâna vècia, scûša
da un sajûgh e da ‘na nûša
ch’i’ la tînne riparâda.

Tân-c an fa (la pâr ‘na fôla!)
i’ pasêvne tú-c lì všîn:
chî rimpîva al caldarîn,
chî scambiêva ‘na parôla!

La funtâna, silensiûša,
l’ascultêva tân-c perché:
‘l fiöl ch’ l’é grand e ch’al se spûša,
i racôlt, al bèstji… e csé

i s’ liberêvne d’un magûn,
e, cun ‘l cunsìli d’un amîgh,
a s’ catêva al co’ d’ n’intrîgh
pra sbrigâr una questiûn.

E lê? Sìta! E, per cumênt,
al sîgh d’un s-cèl ch’ l’andêva a fund;
dop al lúšghi d’un s-cèl piên
ch’ l’arturnêva a vèdre al mund.

I’ arsênt i pàs ch’i se sluntâni
e i cûntne i sàs d’ la masiciâda,
e i suspîr per la fadîga
fîn insìma a la rampâda.

A rîva un sùpi d’ in pramšâna
ch’al dà arsôr cuntra al sudûr:
l’é cme ‘na carèsa umâna
ch’ l’asupìsa un pô ‘l dulûr!

Ma la gênta, un pô a la volta,
l’ê duvûda andâr luntân
a sercâr un tòch ed pân
perché chí n’ gh’êra âtra scèlta!

Dòp tânt têmp dû-trî paišân
i’ han pensâ d’artöla a mân.
Bên pulîda, la dà pröva
che la vìta la s’arnöva!

A n’ gh’é pu’ ‘l bàšle e gnân l’armûr
d’ la širèla e d’ la cadêna,
ma ‘na bùta, ch’ la vên piêna
cun la pùmpa d’un tratûr!

E lê, discrêta cmé a chi têmp,
semper prûnta a fâr dal bên,
l’aspèta, câlma, i sö cliênt,
mentr’ al cêl al pâr pu’ srên!

La vecchia fontana – 2006

Si trova laggiù, all’inizio della salita, l’antica fontana, nascosta da un sambuco e da una noce che le fanno da riparo. Tanti anni fa, (sembra una favola!) passavamo tutti lì vicino; chi riempiva il secchio, chi scambiava una parola. La fontana, silenziosa, ascoltava tanti crucci: il figlio, ormai adulto, che si sposa, i raccolti, il bestiame, … e così ci si liberava di un magone e, col consiglio di un amico, si trovava il bandolo di un intrigo per risolvere una questione. E lei? Zitta! e, per commento, il cigolio di un secchio che scendeva a fondo; poi le lacrime del secchio pieno che ritornava a vedere il mondo. Risento i passi che si allontanano e scandiscono i sassi della massicciata, e i sospiri per la fatica fino al termine della salita! Giunge un soffio dal parmigiano che dà ristoro contro il sudore. sembra una carezza umana che allevia un poco il dolore! Ma la gente, un poco alla volta, è dovuta andare lontano alla ricerca di un tozzo di pane perché qui non vi era altra scelta! Dopo tanto tempo alcuni paesani hanno pensato di riprenderla a mano. Ben ripulita dà la prova che la vita si rinnova! Non c’è più il baggiolo, né il rumore della girella e della catena, ma una botte che diventa piena grazie alla pompa di un trattore. E lei, discreta come allora, sempre disposta a fare del bene, attende, tranquilla, i suoi clienti mentre il cielo appare più sereno.

L’antica fontana di Donadiolla

Si tratta dell’antica fontana di Donadiolla. Prima che anche quassù arrivasse l’acquedotto era la salvezza dei tre nuclei abitati (Castellaro alto, Castellaro di Sotto e Donadiolla) per l’acqua da bere, quella per cucinare e, spesso, anche per abbeverare il bestiame. Dopo l’arrivo dell’acquedotto nelle case fu abbandonata fino ad alcuni anni fa. Ripulita e risanata per l’interessamento di un paio di famiglie del luogo, oggi fornisce a tutto il paese acqua per annaffiare gli orti e irrorare le viti.