La via del Castellaro

Oratorio Castellaro

Dopo Compiano si prende la via
Che, ripida, sale in cima al monte.
Lassù c’è Piagnolo con la pizzeria,
Case di sasso e una piccola fonte

C’è una chiesetta lungo la strada
mentre continui per Vogilato.
Da lassù tu domini la bella vallata
e ti par di vedere mezzo il creato.

L’Enza scorre, laggiù, silenziosa,
le mille ginestre in fiore fan festa,
stupenda natura e maestosa
di monti, di campi, di verde foresta,

Continua a leggere

La partîda a bòci

Vetto d'Enza

di Savino Rabotti

A la dmèndga, dop mešdé,
quàtr’ amîgh, cmé quàter sòci,
i’ s’arcàtne a l’usterìa
per fâr ‘na partîda al bòci.

Pôch luntân a gh’é un tavlîn
cûn un fiàsch e di bicêr:
vîn nustrân, s-cèt e sincêr,
sênsa trúch e sensa vlîn.

Prìma ch’ i’ s’mèti d’acôrdi
quân-c a-šquêši, quânti mòsi:
tút un blèf, túta ‘na fînta,
e perfîn paròli gròsi.

Pêra o dìspre, dìspre o pêra…
… finalmênt a va ‘l bucîn.
Quânt armûr e quânta fêra
se la bòcia la n’ gh’ và všîn!

Ugni tânt a s’ sênt un s-ciòch
fôrt e sèch, cùma un bašîn
dâ da scûš, cun al lúšghi a j’ ò-c,
quand a s’êra šuvnutîn!

Da sú in cêl al sûl al guârda
sudisfàt, cun simpatìa:
l’é fîn bèl vèder cla squâdra
ch’ la s’ la pàsa in armunìa!

L’é fîn bèl che gh’ sìa d’ la gênta
che cun pôch la s’acuntênta!

 

LA PARTITA A BOCCE 2005 - La domenica dopo pranzo quattro amici, come quattro soci, si ritrovano all’osteria per fare una partita a bocce. Poco lontano c’è un tavolino con sopra un fiasco e alcuni bicchieri: vino nostrano, schietto e sincero, senza alterazioni e senza veleni. Prima che riescano a mettersi d’accordo quante smorfie, quante mosse: tutto un bluf, tutta una finta, e persino parole pesanti. Pari o dispari? Dispari o pari? …  inalmente parte il pallino! Quanto rumore e quante lagnanze se la boccia non gli va vicino! Ogni tanto si ode uno schiocco forte e secco, come un bacio dato di nascosto, con gli occhi lucidi, quando eravamo ancora giovincelli! Da lassù in cielo il sole osserva soddisfatto, con benevolenza: è perfino bello vedere quella squadra che se la passa in armonia. È fin bello che vi sia ancora gente che si accontenta di poco!

Föji

Foglia caduta durante l'autunno

di Savino Rabotti

Al föj sèchi, adrê a la via,
al m’arcôrdne i cavî biânch:
tânta, tânta nustalgìa
quand al fôrsi al vênne a mânch.

L’ê luntân la primavêra,
‘l cûrsi, scalsa, in mèš ai prâ,
‘l núvli rôša sùta sîra,
‘l cúch ch’al canta da arabiâ;

‘l pégri, ‘l vàchi, fêrmi a stâr
al salût ad mi’ nunûn;
e mi’ nùna ‘všên al fuglâr
ch’ la m’ fà dîr agli urasiûn.

‘Na scudèla adrê ch’ la fúma
cun ‘l prufúm d’ la giuventú,
e la fàm che, a úna a úna,
la n’arê vudâ anch ed pu’.

L’êra tanta l’energia
e la fôrsa di vînt àn;
e ‘l curà-g d’ n’arèndse mia
d’ frûnt al mâl, d’ frûnt a i’ afàn.

E pu’ a vên la vöja d’ sédse,
ad guardâr cul ch’a s’é fat,
d’ fâr dû cûnt, per prêr decìdre
s’ t’ê cuntênt e sudisfàt.

Všên al fögh, mentr al falìstri
dal camîn al scàpne in cêl,
tút l’artûrna a la memòria,
ma luntân, cme sùta a un vêl.

 

FOGLIE SECCHE

Le foglie secche lungo il cammino mi ricordano i capelli bianchi: tanta, tanta nostalgia perché le forze scemano. È lontano la primavera, le corse, scalzi, in mezzo ai prati, le nuvole rosa all’imbrunire, il cucù che canta come se fosse arrabbiato; le pecore, le mucche ferme ad aspettare che il nonno le vada a salutare, e mia nonna, presso il focolare che mi insegna le orazioni, una scodella fumante, col profumo della giovinezza, e la fame che, ad una ad una, (di scodelle) ne avrebbe mangiate assai di più. Era tanta l’energia e la forza sui venti anni; il coraggio di non arrendersi di fronte al male e gli affanni. Poi subentra la voglia di sedersi, di riesaminare quello che si è fatto; di fare due conti e constatare se sei contento e soddisfatto. Presso il fuoco, mentre le faville attraverso il camino fuggono in cielo, tutto torna alla memoria, ma lontano, come sotto un velo.

Quand a m’suvên

Margherita

di Savino Rabotti

Un cêrs ad ragasö, là, in mèš a l’âra
ch’i’ s’ mövne cme föjtîni d’ margherìta;
in mèš a tú-c a gh’é ‘na pîna drìta,
ch’ la pârla, ma un pô pêrsa, un pô indecîša.
La gh’ha i cavî biundîn, carnagiûn ciâra,
i’ ò-c celèst, ‘na vestîna d’ föji d’ röša.

”Lungo la strada
che porta alla contrada
passan tre fanti
su tre cavalli bianchi…”

E me, ch’i’ êra un frušìi âlt una spàna,
cun ‘l brâghi cûrti e i sòcle arampinâ,
i’ m’ fermêva a pensâr: “Sperèm ch’ la m’ ciàma!”,
e sentèndem tucâr da cla manîna
a m’ parîva d’ sentêr cùma ‘na fiàma
ch’ la m’ lasêva de stúch, tút incantâ.

« … e tu, gentil messere,
sarai mio cavaliere » !

… e via, in gròpa a ûn d’ chi cavàj biânch,
per purtâla luntân, luntân, luntân…
Lê la m’ brasêva cun túti dû ‘l mân,
cuciâda, strìca strìca, lì, al mi’ fiânch…
e i’ vulêvne vers un mund dai castê d’ôr,
cun múšica e giardîn stracûlme d’ fiûr.

QUANDO RICORDO… Un cerchio di bambini in mezzo all’aia che si muovono come petali di margherita. In mezzo a tutti c’è una bimba, dritta, che pronuncia qualcosa, ma un poco smarrita, un poco indecisa. Ha i capelli biondi, il visino chiaro, gli occhi azzurri e un vestitino fatto di petali di rosa. [Rit.] E io che ero un bagaglino alto una spanna, coi pantaloni corti e gli zoccoli rinsecchiti, mi fermavo a pensare: “…speriamo che chiami me!”, poi, sentendomi toccare da quella manina, mi pareva di sentire come una fiamma che mi lasciava di stucco, incantato. [Rit.] … e via, in groppa ad uno di quei cavalli bianchi per portarla lontano, lontano, lontano, … lei mi abbracciava con tutte e due le mani, accucciata, stretta stretta, ai miei fianchi, … e volavamo verso un mondo con castelli d’oro, con musica e giardini stracolmi di fiori.

A la Chervâra

veduta di Crovara negli anni 80 del secolo scorso

di Savino Rabotti

‘Drê ‘l Tasùbi, insìma a un mûnt
piên d’ cursân, piên d’ carpanèli,
tânt têmp fa a ghe stêva i Cunt
ch’i’ han fat côši brúti e bèli.

Quàter sàs sùta a gli urtîgh,
sùta al ràši e ‘l föji mârsi:
l’é cul ch’ rèsta d’ tú-c i’ intrîgh,
tradimênt, prumìsi fâlsi!

Pôch i’ s’ fèrmen a guardâr
co’ a gh’é ‘rmâš in cla radûra:
a pâr fîn ch’i àbi pajûra
che chi têmp pòsne arturnâr.

D’Arduîno s’ dîš ch’ al fúsa
tânt in gamba e šmalisiâ
che a Canùsa l’è arivâ,
cunsigliêr d’ la Gran Cuntèsa.

E chì sûra Jacopìno
l’ha tgnû a bâda Aršân, Pramšân,
Castiglione fiorentino,
chi d’ Curèš cun i Mantvân,

ch’i’ gh’han mìs pu’ da stant’àn
per cavâgla ad avêr rašûn
d’ cul castèl che, per tân-c àn,
al metîva sudisiûn!

La mi’ gênta ch’i’ scapê
sempr’ ad cûrsa, sempr’ ad rànda,
mtîv un pô lì da ‘na bànda
pr’arpensâr ai têmp indrê.

Quanti côši ch’ fân schermîr:
ingiustìsji e preputênsa;
quânta vöja d’ prêr capîr
i segrêt ed l’esistênsa!

A pàsa ‘l têmp e a s’ pôrta via
Tú-c i mâl, tú-c i rancûr!
A s’armàgn la fantasìa
che al su’ pòst a gh’ vègna l’amûr!

SOSTA A CROVARA – Lungo il Tassobbio, sopra un monte pieno di quercioli e carpini, tanto tempo fa vivevano i Conti che hanno compiuto gesta inique e belle. Quattro sassi sotto le ortiche, sotto i rovi e le foglie marce, è ciò che resta di tutti gli intrighi, dei tradimenti, delle promesse false. Pochi restano a guardare cosa è rimasto su quella radura: si direbbe che abbiano paura che quei tempi possano ritornare. Di Arduino si dice che fosse tanto astuto e smaliziato che è arrivato fino a Canossa quale consigliere della Gran Contessa. E qua sopra Jacopino ha resistito a Reggiani, Parmigiani, a quelli di Castiglione di toscana, ai Correggesi e ai Mantovani che hanno impiegato più di settanta anni per avere ragione di quel castello che da tanto tempo incuteva paura. Gente mia, che andate sempre di corsa, sempre di fretta, sostate un attimo lì vicino per ripensare ai tempi passati. Quante cose che fanno rabbrividire: ingiustizie e prepotenze; quanta voglia di poter capire i segreti dell’esistenza. Il tempo passa e si porta via tutto il male, tutti i rancori! Resta solo l’immaginazione di poterli sostituire con l’amore.

A Crovara

veduta della rupe di Crovara negli anni 80 del secolo scorso

di Savino Rabotti

Su la scoscesa balza tua, Crovara,
sibila il vento tra le roverelle,
scuote il frassino che la linfa amara
sugge dal sasso, e delle carpinelle
le fronde intessono una danza avita
in un perenne spasimo di vita.

Favole antiche narra, antichi amori,
giù, nella valle, garrulo il Tassaro:
gesta di cavalieri e di signori
ricchi sol d’odio, ma dal cuore avaro;
rispecchia volti pieni di vigore,
alita brezza ed alimenta i fiori.

In ampie spire il nibbio ti rinserra,
vigile sentinella del maniero;
non più soldati, né clangor di guerra
ma studïosi salgono il sentiero
a ricercar le tracce della Storia
che per secoli ha ordito la tua gloria.

Dagli spiazzi protesi verso i borri
vola la mente a dialogar coi tanti
luoghi muniti di possenti torri,
pronte ad accoglier pellegrini erranti
in cerca di un ospizio, o avverse spie
use a mercar la vita con bugie!

Lieto il sole da Lèguigno feconda
la valle del Tassobio, mentre Giano
riemerge, nume tutelar, da l’onda
chiara. Ridono Gombio e Vedriano:
quel benigno tepor, più che ristoro,
fonte viva divien di messi d’oro!

Se, nel silenzio della notte oscura,
bofonchia il gufo, misteriose trame,
streghe e fantasmi non fan più paura,
né morte assurda tra le atroci lame,
ché al medesimo desco nuova luce
e l’umile e il superbo riconduce.

Quell’arcano silenzio che ti ammanta,
o terra di Crovara, è come un saggio
antico vate che lusinga e incanta,
e poi ti affida un fervido messaggio:
“Il tempo innalza e abbatte, e solo resta,
frutto concreto, una esistenza onesta”!

La vècia funtâna

Oratorio di Castellaro (Vetto)

L’ê là, in funda a la rampâda,
la funtâna vècia, scûša
da un sajûgh e da ‘na nûša
ch’i’ la tînne riparâda.

Tân-c an fa (la pâr ‘na fôla!)
i’ pasêvne tú-c lì všîn:
chî rimpîva al caldarîn,
chî scambiêva ‘na parôla!

La funtâna, silensiûša,
l’ascultêva tân-c perché:
‘l fiöl ch’ l’é grand e ch’al se spûša,
i racôlt, al bèstji… e csé

i s’ liberêvne d’un magûn,
e, cun ‘l cunsìli d’un amîgh,
a s’ catêva al co’ d’ n’intrîgh
pra sbrigâr una questiûn.

E lê? Sìta! E, per cumênt,
al sîgh d’un s-cèl ch’ l’andêva a fund;
dop al lúšghi d’un s-cèl piên
ch’ l’arturnêva a vèdre al mund.

I’ arsênt i pàs ch’i se sluntâni
e i cûntne i sàs d’ la masiciâda,
e i suspîr per la fadîga
fîn insìma a la rampâda.

A rîva un sùpi d’ in pramšâna
ch’al dà arsôr cuntra al sudûr:
l’é cme ‘na carèsa umâna
ch’ l’asupìsa un pô ‘l dulûr!

Ma la gênta, un pô a la volta,
l’ê duvûda andâr luntân
a sercâr un tòch ed pân
perché chí n’ gh’êra âtra scèlta!

Dòp tânt têmp dû-trî paišân
i’ han pensâ d’artöla a mân.
Bên pulîda, la dà pröva
che la vìta la s’arnöva!

A n’ gh’é pu’ ‘l bàšle e gnân l’armûr
d’ la širèla e d’ la cadêna,
ma ‘na bùta, ch’ la vên piêna
cun la pùmpa d’un tratûr!

E lê, discrêta cmé a chi têmp,
semper prûnta a fâr dal bên,
l’aspèta, câlma, i sö cliênt,
mentr’ al cêl al pâr pu’ srên!

La vecchia fontana – 2006

Si trova laggiù, all’inizio della salita, l’antica fontana, nascosta da un sambuco e da una noce che le fanno da riparo. Tanti anni fa, (sembra una favola!) passavamo tutti lì vicino; chi riempiva il secchio, chi scambiava una parola. La fontana, silenziosa, ascoltava tanti crucci: il figlio, ormai adulto, che si sposa, i raccolti, il bestiame, … e così ci si liberava di un magone e, col consiglio di un amico, si trovava il bandolo di un intrigo per risolvere una questione. E lei? Zitta! e, per commento, il cigolio di un secchio che scendeva a fondo; poi le lacrime del secchio pieno che ritornava a vedere il mondo. Risento i passi che si allontanano e scandiscono i sassi della massicciata, e i sospiri per la fatica fino al termine della salita! Giunge un soffio dal parmigiano che dà ristoro contro il sudore. sembra una carezza umana che allevia un poco il dolore! Ma la gente, un poco alla volta, è dovuta andare lontano alla ricerca di un tozzo di pane perché qui non vi era altra scelta! Dopo tanto tempo alcuni paesani hanno pensato di riprenderla a mano. Ben ripulita dà la prova che la vita si rinnova! Non c’è più il baggiolo, né il rumore della girella e della catena, ma una botte che diventa piena grazie alla pompa di un trattore. E lei, discreta come allora, sempre disposta a fare del bene, attende, tranquilla, i suoi clienti mentre il cielo appare più sereno.

L’antica fontana di Donadiolla

Si tratta dell’antica fontana di Donadiolla. Prima che anche quassù arrivasse l’acquedotto era la salvezza dei tre nuclei abitati (Castellaro alto, Castellaro di Sotto e Donadiolla) per l’acqua da bere, quella per cucinare e, spesso, anche per abbeverare il bestiame. Dopo l’arrivo dell’acquedotto nelle case fu abbandonata fino ad alcuni anni fa. Ripulita e risanata per l’interessamento di un paio di famiglie del luogo, oggi fornisce a tutto il paese acqua per annaffiare gli orti e irrorare le viti.